Tassazione fondi pensione: Come funziona?

tassazione fondi pensione

La tassazione dei fondi pensione è stato oggetto di recenti normative da parte dello Stato.

DEVI leggere assolutamente questo articolo se vuoi sapere:

  • Cos’è un fondo pensione?
  • Come funziona la tassazione sui fondi pensione?
  • A quanto ammonta la deducibilità dei versamenti ?
  • Come funziona la tassazione agevolata al momento della prestazione previdenziale?
  • Come cambia la tassazione in caso di riscatto anticipato?

 

Cos’è un fondo pensione?

I fondi pensione, nell’ordinamento giuridico italiano, sono gli strumenti tecnici (appartenenti al cosiddetto sistema pensionistico privato in Italia) individuati dal legislatore al fine di garantire ai lavoratori una pensione complementare, da affiancare a quella che spetterebbe ai sensi di legge erogata dagli enti previdenziali obbligatori, come l’INPS.

Se vuoi saperne di più sulla pensione integrativa, clicca qui.

Secondo la normativa prevista dalla legislazione italiana (decreto legislativo n. 252/2005), chi vuole una pensione integrativa può scegliere di aderire a un fondo, negozialeaperto, o di sottoscrivere un PIP (acronimo di Piano Previdenziale Individuale) che è una vera e propria polizza assicurativa, pur potendo utilizzare la denominazione fondo pensione.

 

La tassazione dei fondi pensione

La deducibilità dei contributi

previdenza complementare 730

I contributi versati in un fondo pensione sono deducibili ai fini IRPEF nella dichiarazione dei redditi fino a 5.164,67€.

Tale regola vale per i lavoratori dipendenti privati e i lavoratori autonomi.

 

Vuoi migliorare la tua Pensione e pagare meno Tasse?
GRATIS >>> File Segreto

Scopri quante tasse puoi risparmiare con la pensione integrativa! Scarica il file gratuito.

 

Cosa cambia per i dipendenti pubblici?

Se siete dipendenti della pubblica amministrazione iscritti a forme pensionistiche di natura negoziale, l’importo deducibile non può essere superiore al 12% del reddito complessivo e comunque non oltre i 5.164,57€.

Inoltre la deduzione non deve superare il doppio della quota TFR destinata ai fondi pensione se sempre rispetto ai limiti sopra elencati.

 

Contributi versati a favore dei familiari fiscalmente a carico

Sono deducibili anche i contributi versati a favore dei familiari fiscalmente a carico sempre cumulativamente fino al massimo di 5.164,57€.

Ti ricordo che un familiare, per essere considerato a carico di un altro, deve possedere un reddito complessivo non superiore a 2.840,51 euro, al lordo degli oneri deducibili sostenuti.

 

 

La tassazione agevolata al momento della prestazione previdenziale

Al momento dell’erogazione del capitale o della rendita pensionistica si applica una ritenuta a titolo d’imposta con l’aliquota del 15%, più bassa rispetto all’aliquota standard sui proventi finanziari del 23%.

Tale aliquota viene ridotta di una quota pari a 0,30 punti percentuali per ogni anno eccedente il quindicesimo anno di partecipazione a forme pensionistiche complementari, con un limite massimo di riduzione di 6 punti percentuali.

Ad esempio:

Se sottoscrivi una polizza assicurativa per la tua pensione integrativa nel 2015 all’età di 30 anni e andrai in pensione a 67 anni, allora il capitale maturato per la tua pensione sarà tassato del 9% anziché del 15%, riceverai una riduzione dell’0,30% per ogni anno successivo al quindicesimo.

 

Tassazione in caso di riscatto anticipato

In caso di riscatto anticipato del capitale maturato nel proprio fondo pensione bisogna distinguere fra:

  • Riscatto anticipato, per un importo non superiore al 75%, per spese sanitarie sostenute per te, il tuo coniuge o i tuoi figli per terapie e interventi straordinari riconosciuti dalle competenti strutture pubbliche: si applica l’aliquota standard del 15% con riduzione dello 0.30% per ogni anno eccedente il quindicesimo anno di partecipazione alle forme pensionistiche complementari, con un limite massimo di riduzione di 6 punti percentuali.
  • Riscatto anticipato decorsi otto anni di iscrizione, per un importo non superiore al 75%, per l’acquisto e la ristrutturazione della prima casa di abitazione per te o per i tuoi figli: si applica un’aliquota del 23%.
  • Riscatto anticipato decorsi otto anni di iscrizione, per un importo non superiore al 30%, per ulteriori tue esigenze: si applica un’aliquota del 23%.

 

Ecco cosa fare ora:

 

A presto,

Mattia

Commenti