Constatazione Amichevole: Come funziona? (+ Modulo pdf)

constatazione amichevole

Un’incidente stradale che sia di piccola o grossa entità è un momento di forte stress.

Tutti possiedono un’assicurazione auto ma non tutti sanno come compilare la constatazione amichevole in caso di incidente.

Compilare questo famoso modello è l’incubo di ogni assicurato, infatti la paura di sbagliare e commettere qualche errore che comporta il mancato o parziale risarcimento è elevata.

Dopo aver letto questa guida ti garantisco che non dovrai più preoccuparti di come come compilare questo famoso modulo poiché sarai preparato come un “assicuratore”.

 

All’interno di questa guida ti spiego:

  1. Cos’è la constatazione amichevole
  2. Come compilarla?
  3. Ti fornirò una scaletta da seguire in caso di sinistro
  4. Infine ti allego un modulo pdf scaricabile

 

Vuoi risparmiare sulla tua polizza auto?

arrow

 

Richiedi SUBITO un preventivo!

 

 

Cos' la constatazione amichevole

Questo famoso “modulo blu”, noto anche come CAI – constatazione amichevole di incidente – o CID – convenzione indennizzo diretto nasce per semplificare il più possibile il processo di denuncia in caso di incidente stradale.

Il CID è valido per la richiesta di risarcimento diretto. Cos'è il risarcimento diretto?

Nell'ambito del diritto delle assicurazioni italiano il risarcimento diretto (talvolta indicato con la sigla CARD, Convenzione tra Assicuratori per il Risarcimento Diretto) è la procedura di rimborso assicurativo che dal 1º febbraio 2007 in caso d'incidente stradale consente ai danneggiati non responsabili (o parzialmente non responsabili) di essere risarciti direttamente dalla propria compagnia assicurativa.

 

Come compilarla?

modulo constatazione amichevole

 Dati Generali

  • Punto 1 – Data: vanno indicate data e ora dell’incidente.
  • Punto 2 – Luogo: il luogo dove è avvenuto il sinistro: comune, provincia, via e il numero civico più vicino.
  • Punto 3 – Feriti: smarcare la casella “NO” se non ci sono stati feriti, barrare “SÌ” in caso di feriti anche lievi e compilare l’apposita sezione del modulo “Altre informazioni” (Vedi pdf in fondo alla guida).
  • Punto 4 – Danni materiali: indicare se l’incidente ha provocato danni a “Veicoli oltre A e B”, coinvolgendo ad esempio un terzo veicolo, o ad oggetti, come recinzioni o altro. Smarcando il “SÌ”, per una o entrambe le opzioni, andranno indicati l’identità e l’indirizzo dei danneggiati.
  • Punto 5 – Testimoni: vanno riportati cognome, nome, indirizzo e numero di telefono delle persone che hanno assistito al sinistro, se ci sono state, riportando chiaramente se si tratta o meno di passeggeri a bordo del veicolo A o B.

 

ATTENZIONE: Ti Hanno Detto Che Le Assicurazioni Auto Sono Tutte Uguali?

[Report Gratis] Ti Svelo 5 Garanzie Fondamentali Che La Tua RC Auto Deve Assolutamente Avere Comprese Nel Prezzo!

Voglio Sapere Tutto!

 

Dati specifici per ciascun veicolo

  • Punto 6 - Contraente/Assicurato: dal certificato di assicurazione vanno recuperati i dati corretti del contraente della polizza: cognome, nome, codice fiscale (o partita IVA), indirizzo di residenza con comune, provincia, via e numero civico, il CAP, lo Stato di residenza e un recapito telefonico o e-mail.
  • Punto 7 – Veicolo: specificare la tipologia del veicolo coinvolto (es. auto o moto) o se si tratta di un rimorchio. Vanno poi indicati marca e tipo (solo per i veicoli a motore), numero di targa o telaio e stato di immatricolazione.
  • Punto 8 - Compagnia d’assicurazione: dal certificato di assicurazione vanno copiati i seguenti dati: denominazione della compagnia, numero di polizza o carta verde con relativo periodo di validità, agenzia (ufficio o intermediario) con denominazione e recapiti. Indicare se la polizza copre anche i danni materiali al proprio veicolo (garanzia accessoria).
  • Punto 9 – Conducente: la persona che guidava l’auto al momento dell’incidente può non coincidere con l’intestatario della polizza, in ogni caso vanno riportati tutti i dati del conducente, inclusi il numero e il tipo di patente (categorie A, B, ecc) e il periodo di validità.
  • Punto 10 - Indicare con una freccia il punto d’urto iniziale del veicolo: si tratta del dato principale nella ricostruzione della dinamica dell’incidente, in quanto ci dice come ha avuto inizio. Nel caso A abbia tamponato B, ad esempio, A metterà una freccia sulla parte anteriore dell’auto e B su quella posteriore.
  • Punto 11 - Danni visibili al veicolo: ciascun conducente riporterà i danni più evidenti che ha subito il proprio veicolo.
  • Punto 12 - Circostanze dell’incidente: si tratta di 17 opzioni a risposta chiusa che ciascun conducente può smarcare per descrivere l’attività svolta al momento dell’incidente, cancellando quelle non corrette. (ATTENZIONE: scegliere le giuste opzioni è di fondamentale importanza!)

Spesso le persone danno più importanza al disegno dell'incidente (vedi punto 13) che a questa sezione. Se la casistica del sinistro è riconducibile a una delle opzioni preimpostate è bene segnarla, ciò faciliterà notevolmente l'avanzamento e la chiusura del sinistro.

  • Punto 13 – Grafico dell’incidente al momento dell’urto: qui si richiede uno schema grafico dell’incidente e non un disegno articolato: vetture stilizzate e frecce consentiranno di ricostruire il tracciato delle strade, la direzione di marcia di A e B, la posizione al momento dell’urto, i segnali stradali e i nomi delle strade.
  • Punto 14 – Osservazioni: si tratta di note aggiuntive che ciascun conducente può inserire per corredare il modulo di ulteriori informazioni utili alla ricostruzione dell’accaduto.
  • Punto 15 - Firma dei conducenti: la presenza di entrambe le firme dei conducenti attesta la validità del documento.

Modulo Altre Informazioni:

Qui va indicato se c’è stato l’intervento delle Autorità, specificando se si è trattato di Carabinieri, Polizia o Vigili Urbani. Ciascun conducente, inoltre, deve riportare i dati di riconoscimento di eventuali testimoni e/o feriti, e del proprietario del veicolo, solo se diverso dal contraente/assicurato.

Se manca l'accordo tra le parti

Qualora non ci fosse accordo tra le parti e vi fosse solo la firma di uno dei conducenti, il modulo blu andrà comunque compilato a una firma e consegnato al proprio intermediario assicurativo di riferimento.

 

Scaletta da seguire in caso di incidente

  1. Verificare la presenza o meno di feriti, in tal caso chiamare i soccorsi.
  2. Verificare se vi è l'impossibilità di spostare l'autovettura dalla strada al fine di intralciare la viabilità, in tal caso chiamare l'assistenza stradale (Se possiedi la scatola nera i soccorsi e l'assistenza stradale vengono chiamati automaticamente dalla centrale operativa).
  3. Segnalare con l'apposito triangolo il veicolo in stato di fermo.
  4. Prima di spostare l'automobile consiglio di effettuare delle foto (siamo nel 2016 quasi tutti siamo dotati di uno smartphone 🙂 )
  5. Compilare e firmare il modulo di constatazione amichevole.
  6. Tenere due copie di tale modulo e le altre due consegnare alla controparte
  7. Denunciare un sinistro alla propria Compagnia di assicurazione in caso di collisione con un altro veicolo a motore. Ricorda di denunciare il sinistro entro 3 giorni dalla data in cui si è verificato o ne hai avuto conoscenza.

 

Scarica il modulo di constatazione amichevole in pdf

 

Ecco cosa fare ora:

  • Se vuoi richiedere un Preventivo per la tua Assicurazione Auto, clicca qui.
  • Se vuoi maggiori informazioni contattami.
  • Scarica il mio REPORT gratuito in cui Ti Svelo 5 Garanzie Fondamentali Che La Tua RC Auto Deve Assolutamente Avere Comprese Nel Prezzo!

 

A presto 🙂

Mattia

Commenti